I vertici Cimop agli Stati Generali. Campanozzi: “Universalità e Solidarietà, principi mai in discussione”

Campa roma eUno per ventimila. In occasione della chiamata a raccolta di tutte le componenti da parte dei sindacati medici lo scorso 21 ottobre a Roma, la parola d’ordine è condivisione. Ne è convinto il Segretario Nazionale della Cimop (Confederazione Italiana Medici Ospedalità Privata), dott. Fausto Campanozzi (in foto con il vice segretario, dott. Stefano Neri), che al termine degli Stati Generali celebrati all’Auditorium Loyola, ha sottolineato l’importanza della coesione.

“Siamo presenti agli Stati Generali della Professione – ha dichiarato – in rappresentanza di 20.000 colleghi. Sono tutti quei medici che ogni giorno lavorano nelle Strutture private Accreditate e garantiscono il 25% delle prestazioni sanitarie che sono rese dal S.S.N. Non siamo qui per rappresentare le nostre problematiche, che posso assicurare, sono numerose ed articolate, bensì per confermare tutto il nostro impegno e l’incondizionato sostegno, articolato e costante, alle iniziative che saranno messe in campo a difesa della Professione, ma anche, e soprattutto, a difesa del S.S.N., i cui principi di Universalità e Solidarietà non possono, a nostro avviso, essere messi in discussione.”